lunedì 5 dicembre 2016

PASTA CON SPADA, POMODORI SECCHI E PISTACCHI



Ingredienti:
1 trancio di spada da circa 400  gr
150  gr di pomodori secchi già conditi
70  gr di pistacchi sbucciati
olio d'oliva
1 spicchio d'aglio
origano secco
peperoncino secco
pasta: ziti arrotolati


  • Mettere sul fuoco una pentola di acqua per la cottura della pasta,  quando è vicina all'ebollizione salarla e quando raggiunge la giusta temperatura procedere alla cottura della pasta.
  • Tostare per due minuti in un piccolo tegame o nel forno i pistacchi poi con un coltello tritarli grossolanamente. 
  • Tagliare anche i pomodori secchi, a pezzi irregolari oppure a striscioline.
  • Pulire il trancio di spada, togliere la pelle e la parte scura poi ridurlo a cubetti di circa un centimetro. Preparare un saltapasta con alcuni cucchiai di olio e lo spicchio d'aglio posizionarlo sul fornello acceso e quando è caldo versarvi i cubetti di pesce. Rosolarli  bene mescolando poco per non romperli e dopo pochi minuti aggiungere i pomodori secchi. Continuare la cottura per 5'.
  • Salare il sugo, togliere l'aglio, versare i pistacchi, un pizzico di origano secco e una presa di peperoncino in polvere poi mescolare tutti gli ingredienti.
  • Quando la pasta è cotta, scolarla e farla insaporire nel sugo per alcuni secondi prima di servire.




Lo stesso sugo può essere fatto usando del salmone fresco, come illustra la foto qui sopra. In questo caso parte del salmone è stato pestato con una forchetta e i pomodori secchi sono stati tritati grossolanamente.

giovedì 1 dicembre 2016

TRIGLIE AL SUGO DI VONGOLE




Ingredienti per 6 persone:
500  gr di triglie 
1  sacchetto di vongole fresche
farina 00
olio per friggere
1  foglia di alloro
mezza cipolla
2  foglie di sedano
uno spicchio di aglio
400  gr di polpa di pomodoro
origano secco
peperoncino
olio d'oliva 
sale


  • Prima di tutto spurgare le vongole,  quindi eliminare la rete, togliere quelle con la conchiglia rotta e mettere le vongole rimanenti in un contenitore.  Ricoprirle di acqua poi aggiungere tre bei cucchiai di sale grosso e lasciarle riposare così per almeno un'ora (meglio se è per più tempo). 
  • Squamare le triglie, pulirle, lavarle e disporle in un colapasta a sgocciolare. Fare attenzione a non romperle perchè è un pesce molto delicato.  Mettere alcuni cucchiai di farina in un piatto e infarinare le triglie una alla volta dopo averle salate leggermente, quindi adagiarle in un tagliere o in un piatto.
  • Scaldare sul fuoco una padella con dell'olio da frittura assieme alla foglia di alloro spezzata e cuocere il pesce per circa 8-10 minuti girandolo adagio a metà cottura. Quando è cotto toglierlo dall'olio e metterlo nella carta assorbente per eliminare parte dell'unto.
  • Mettere su un fornello una padella e quando è calda versarvi le vongole che saranno state tolte dall'acqua salata e  risciacquate in acqua corrente. Muovere la padella sulla fiamma e far aprire le vongole.  
  • A questo punto eliminare le valve e raccogliere i molluschi in una ciotola,  filtrare e tenere anche il liquido che si sarà formato.
  • Tritare la cipolla assieme alle foglie di sedano e versarli in un tegame (dovrà contenere tutte le triglie con il sugo), unire lo spicchio d'aglio e alcuni cucchiai di olio d'oliva e rosolare leggermente. Aggiungere la polpa di pomodoro ed un bicchiere d'acqua e cuocere per 4-5' poi unire le vongole sgusciate, il loro sugo, una generosa presa di origano, la giusta dose di peperoncino, il sale necessario e continuare la cottura ancora per un minuto. 
  • Sempre con la casseruola sul fornello togliere l'aglio e adagiare nel sugo le triglie, se necessario mescolare adagio e delicatamente. Tenere la preparazione sul fuoco il tempo necessario per riscaldarle quindi .... servire.





domenica 27 novembre 2016

PLUMCAKE AL MANGO E ARANCIO



Ingredienti:
200  gr di ricotta
120  gr di burro morbido
160  gr di zucchero
3  uova
1  arancia
180  gr di farina 00
60  gr di amido di frumento
1  bustina di lievito
succo al mango
60  gr di mango candito
20  gr di arancia candita


  • Accendere il forno a 180° poi tagliare i canditi a pezzi piccoli e  infarinarli tutti mescolandoli assieme ad un cucchiaio abbondante di farina.  Setacciare  la farina rimasta assieme all'amido e allo zucchero.
  • Riunire in una ciotola la ricotta, il burro, lo zucchero e la buccia dell'arancia grattugiata e montare il composto con una frusta, quando sarà soffice aggiungere le uova una alla volta ed amalgamarle bene.
  • Sempre montando con le fruste aggiungere la farina setacciata alternata a due cucchiai di succo di mango. Per ultimi incorporare i canditi con l'aiuto di una spatola.
  • Imburrare ed infarinare uno stampo da plumcake, versare il composto ed infornare.
  • Cuocere il dolce per circa 45/50',  dovrà diventare dorato in superficie e come sempre la prova dello stecchino accerterà lo stato della cottura interna.
  • Sfornarlo e lasciarlo raffreddare prima di servire.


mercoledì 23 novembre 2016

SFOGLIATINA CON CREMA DI ZUCCA E FANTASIA DI CAPESANTE



Premetto che io ho usato una zucca di tipo Delica (le mie preferite).  Sono zucche che non raggiungono grandi dimensioni  ma hanno una polpa compatta che anche dopo la cottura dà una buona resa e rimane bella soda per questo motivo la trovo adatta a diverse preparazioni sia salate che dolci. Ha un colore vivace che sembra più arancione che un giallo vivo ed ha un gusto piacevolmente dolce.  La preparazione è per 6 persone ma la ricetta che segue non riporta dosi precise.


  • Togliere la buccia a mezza zucca poi eliminare i semi e tagliarla a pezzi. Stendere i cubi di zucca ottenuti in una placca da forno, ricoprirli con un foglio di alluminio e infornare a 190 gradi  per circa 15 minuti. Quando sono pronti toglierli dal forno e lasciarli raffreddare. 
  • Distendere un rotolo di pasta sfoglia rettangolare già pronto poi con l'aiuto di un matterello renderlo più sottile e allargarlo un pochino di più, sia in larghezza che in altezza.  Ritagliare dalla pasta 6 quadrati e posizionarli in altrettante coppette, mettere al centro un pirottino di carta con dei fagioli secchi e infornare. Cuocere per 20' fino a quando i bordi si doreranno un po'. Sfornarli e togliere la carta ed i faglioli.
  • Nel frattempo pulire  e lavare  12 capesante, lasciando anche il corallo. Metterne 6 in un contenitore, condirle con qualche rametto di timo al limone e due cucchiai di olio d'oliva poi lasciarle in frigo in attesa. Le altre sei avvolgerle in altrettante fette di speck dopo averle leggermente salate quindi lasciare in attesa anche queste.
  • Raccogliere la polpa di zucca cotta in una ciotola e pestarla con una forchetta, aggiungere un uovo intero, tre cucchiai di grana grattugiato,  due cucchiai di ricotta, due foglie di salvia tritate fini, la giusta dose di sale e una bella macinata di pepe poi mescolare e amalgamare bene il composto. 
  • Versare due belle cucchiaiate di impasto nelle sfoglie e rimetterle in forno a scaldare per 7/8'.
  • Nel frattempo cuocere le capesante per pochi minuti in una piastra calda,  girandole per farle rosolare anche nell'altro lato. Salare e fine cottura quelle marinate nell'olio. 
  • Preparare i piatti mettendo una sfogliatina, una capasanta allo speck sopra la crema di zucca, un mollusco senza speck a fianco con due gocce di aceto balsamico tradizionale.  Decorare a piacere e servire.

venerdì 18 novembre 2016

PASTA CON CAVOLINI DI BRUXELLES E ZAFFERANO




Ingredienti:
320/350  gr di pasta corta
200  gr di cavolini di Bruxelles
70  gr di scalogno
40  gr di salame fresco
zafferano
sale e pepe
olio d'oliva


  • Mondare i cavolini eliminando le foglie più brutte e tagliando la piccola parte scura alla base poi lavarli e tagliarli a fettine sottili.  
  • Mondare anche lo scalogno e tritarlo.  
  • Riscaldare una padella con un po' di olio di oliva e soffriggere lo scalogno assieme al salame sbriciolato.
  • Aggiungere i cavolini di Bruxelles ed un bicchiere di acqua e cuocere per una decina di minuti.
  • aggiungendo nel frattempo la giusta dose di sale e una generosa grattugiata di pepe. 
  • Quando i cavolini sono cotti spegnere il fornello ed unire lo zafferano (che sia in bustine già dosate oppure in stimmi regolatevi a seconda del vostro gusto).
  • Portare a cottura la pasta, quando è pronta scolarla e versarla nel sugo. Farla insaporire e colorare bene prima di servirla.